Quel che mi sorprende

Quel che mi sorprende

Quel che mi sorprende
é ritrovare nella tua carne e nel respiro che mescoli al mio,
il mare, i vicoli, l’erba,
gli odori dell’infanzia, il vocío allegro di giovani donne in strada,
la luna, la gente in festa, il sonno che ristora, un ballo che non finisce mai,
Una musica gitana, un fiore che odora di sole, i disegni degli dei,
un vecchio quaderno di appunti, un vestito
troppo corto, l’indignazione per i soprusi,
cioccolato amaro e zenzero candito, mani intrecciate, un soffio di vento, i marosi, la malinconia, la meraviglia di amare con innocenza, la voglia di raccontarmi e contare le mie ossa.

Mi sorprende che tu possa aprire i miei  occhi ai bagliori senza bruciarli, mi sorprende che tu predìca e voglia contare tutte le mie vittorie, che tu sappia ciò che io non so, mi sorprende  ritrovare nella tua carne e nel respiro che mescoli al mio il mondo visibile e invisibile

Amelia De Simone – 29 luglio 2018

Condividi:
Quanti anni ha

Quanti anni ha

Quanti anni ha un pezzo di costato,
Un pezzo d’anima andati via

Quanti anni ha un pezzo di cielo cancellato,
Un fiore senza colpe sradicato a forza.

Quanti anni ha chi ti riempie di vuoto il cuore,
Chi parlava con gli occhi ai tuoi occhi.

Quanti anni ha una vita colma della tua assenza,
Un ricordo senza riposo di quanto siamo stati sangue di sangue.

Quanti anni ha chi si é assentato da questo mondo,
Chi s’è fatto oltre, senza verbo e senza il tocco che creavano ristoro

(Io ti penso farfalla, che vola leggera, le ali piene di vita, la luce il tuo destino, per non cedere alle vertigini senza fine)

Amelia De Simone

Alla mia amatissima sorella Beatrice

Condividi:
Ho una stanza dove tutto é segreto

Ho una stanza dove tutto é segreto

Ho una stanza dove tutto é segreto,

dai silenzi mistici ai sospiri d’amore,

ai ricordi di infante, alle bugie dette,

ai tormenti arrecati,  ai delitti perpetrati,

silenzio é dolore, silenzio é anche gioia,

silenzio é il mio viaggio interiore.

 

Non assenza di suono,

ma silenzio liturgico, ritrovo del pensiero più profondo e vero, nudo e sacro,

é una stanza  senza porte, con accesso segreto per chi ha gli occhi giusti.

Ho una stanza dove tutto é segreto e dove tutto ha il suo ordine,

spirito e carne,

memoria e futuro,

sogno e vita vera

Amelia De Simone – 5 aprile 2018

 

 

 

Condividi:
E se non so nulla, so d’amarti

E se non so nulla, so d’amarti

Ma che ne sapevo io dell’amore?
Sapevo come si fa, come si fa all’amore,
ma chi mai m’aveva insegnato ad amare e ad amarmi?
Chi mi scrutava così nuda nonostante le vesti indosso?
Chi sapeva cosa c’era dietro il fiume di parole,
o il silenzio infantile e un po’ stolto
o a volte terribile, fatto di dolore e cicuta?
E chi ancora sapeva sfidare i miei pudori,
vincerli e accudirli?
E chi sapeva che nella preghiera avrei ritrovato me stessa,
guarito piaghe e lutti millenari,
e nello spirito riscoperto la comunione col simile illuminato?

Io non sapevo nulla, né sapevo
che uno sciamano quieto avrebbe squarciato ogni sapere
e rotte le vecchie vie sicure e amare,
come acque di parto,
e alla vita nuova mi avrebbe gemmata.

Che ne sapevo di mille cose mai fatte che non hanno più peso,
e di mille che sono storie incise nella pietra dura,
e fulgori nei giorni che lontani dovranno sorgere?
Che ne sapevo d’essere d’una materia rara e di rara vista,
che tu vedi, e agli altri non appare.

Io non so nulla dell’amore, tranne che è potente
quando mi insegni a non resistere, ma ad esistere con coscienza
e nella luce piena.

E se non so nulla, so d’amarti

Amelia De Simone – 14 febbraio 2018

Condividi:
Mi piace

Mi piace

Mi piace guardarti e misurare la distanza tra il mio naso e il tuo,
tra i miei pensieri e i tuoi,
essere con te, capirti eppure lasciarti quieto nei tuoi dedali,
avere il sottile piacere di nascere dal tuo parto ed essere altro da te,senza essere aliena,
solo una sinfonia dalle note diverse dalle tue.

Mi piace sentire il silenzio tra noi così pieno di fratellanza, generoso di gesti teneri, e le tante parole,
la saggezza che corregge le tristezze inutili e le risate, così allegre, per ricordarci che siamo fatti anche di spensierato disordine e felice ritmo interiore.

Mi piace osservare quella luna della tua testa,
quando con gli occhi socchiusi,mi dono a te e di te mi doni un corpo innamorato, una miriade di illuminazioni, mille testi sacri, braccia nude, nuca fiera, la promessa che la vita é il meraviglioso approdo di chi apre mente e cuore

Amelia De Simone – 15 gennaio 2018

Condividi:
Io mi meraviglio, eppure sorgo insieme a te

Io mi meraviglio, eppure sorgo insieme a te

Mi meraviglio d’essere la storia che narri,
mi meraviglio d’essere la cova del tuo seno,
mi meraviglio di provocarti tremori per amore che non si contiene,
mi meraviglio che convogli a me i tuoi pensieri così sommi e cesellati,
mi meraviglio che ti tolga il sonno quando mi ribello ai nostri giuramenti,
mi meraviglio che dedichi a me la luce dei tuoi bagliori mistici,
mi meraviglio che tu mi abbia scelta e ancora mi scelga,
mi meraviglio d’essere innestata come pianta nel tuo terreno così fecondo,
mi meraviglio d’essere la tua linfa e l’aurora di ogni tuo sogno,
mi meraviglio che la mia mano non stanchi mai la tua,
mi meraviglio che posi parole mai udite e baci arditi sulla bocca,
mi meraviglio che a te mi sommi e mi moltiplichi, matematico audace e onirico,
mi meraviglio del suono dei tuoi canti antichi che a me doni,
mi meraviglio delle danze propiziatorie che con i tuoi antenati insceni intorno a me,
mi meraviglio dei giorni che mi consegni completi, senza mai fine.

Io mi meraviglio, eppure sorgo insieme a te

Amelia De Simone – 11 gennaio 2018

Condividi:
Tu parlami, carne della mia carne

Tu parlami, carne della mia carne

Ora non sei altro che montagna,
un rivolo d’oro sulla pietra arsa,
e quella luce che guizza nella grotta marina,
sei del sole il raggio che trafigge,
la punta acuminata d’un coltello
e l’acqua cheta, la rosa odorosa
e il silenzio sacro degli antichi chiostri,
sei un manoscritto antico e raro,
sei un fiotto di sangue che sgorga dalla bocca,
e occhi avidi di pace,
sei preghiera e rabbia,
sei quiete e furia,
tu parlami, carne della mia carne, io ti dipingo anche nelle parole
che qualcuno, sordo ai canti degli angeli, t’ha celato,
tratteggio i tuoi occhi senza resa,
di quel furore che tiene in vita,
di quel furore che toglie vita
a chi ha dato troppo sangue
e severa ha negato a sé ore e balsamo
fino ai giorni del travaglio,
parlami e lascia che restituisca gli ori alla tua testa nobile
e le peci a chi, corrotto, spense il tuo spirito ardente

Amelia De Simone – 10 gennaio 2018

Condividi:
Sono terra che trasforma

Sono terra che trasforma

Ruggisce il leone nervoso
eppure sono gazzelle
quelle che corrono
libere nella prateria
del mio cuore matto,
barrisce l’elefante furioso
eppure sono aironi leggeri
quelli che s’alzano in volo
in questo animo sconfinato,
sono terra che trasforma,
sono utero che partorisce
i sogni più intricati,
sono grano che germoglia
fiori e pianto,
sono donna di cemento eppure
cammino sulle punte come
étoile leggiadra

Amelia De Simone – 2 gennaio 2018

Condividi:
I Poeti ballano con Dio

I Poeti ballano con Dio

I Poeti sono santi,
un po’ eroi e un po’ vigliacchi,
amano, sognano e mangiano.

Sono di pensiero e aria,
eppure hanno ossa
e l’intestino degli uomini veri.

I Poeti salvano,
pur essendo dannati,
elevano gli spiriti
ma poi li trovi in coda a pagare le bollette.

I Poeti coniano parole
e inbastiscono trame,
ballano con Dio
e poi dormono con le ginocchia piegate al petto

 

Amelia De Simone – 21 dicembre 2017

Condividi: